#252 - 30 novembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

La Tv piange la morte di uno dei suoi più autorevoli pionieri, il regista Antonello Falqui, scomparso ultranovantenne alcuni giorni fa.
Padre del varietà televisivo: pensiamo al Musichiere condotto da Mario Riva, a Milleluci, a Canzonissima e a tanti altri.

ZappingZapping

Falqui ha lanciato numerosi famosissimi personaggi del piccolo schermo, tra questi Mina e le gemelle Kessler.
Ricordiamo gli spettacoli di Falqui, la loro elegante leggerezza, con quella nostalgia che d’improvviso ci assale quando riandiamo col pensiero ai giochi incoscienti dell’infanzia o quando lampeggia dall’oblio un volto perduto, un sembiante che un tempo ha significato qualcosa per noi, perduto oggi nell’implacabile, letificante fiumana degli anni.

ZappingZapping

La Rai vuole stare al passo coi tempi: ormai la Tv si fruisce anche o forse soprattutto sul pc, sul tablet, sullo smarphone.
Le giovani generazioni soprattutto, rischiano di morire d’inedia, se non si connettono alla rete, si direbbe. E così confidando sulla forza trainante del popolare Fiorello – intrattenitore brillante e goliardico - e del suo spettacolo “Viva Rai Play” la tv di stato ha rinnovato la sua piattaforma streaming nell’evidente tentativo di mietere proseliti anche tra i giovani forzati del web.

ZappingZapping

Parliamo ancora di Bruno Vespa e del suo astutissimo libro “Perché l’Italia diventò fascista”, ( con l’aggiunta del saggio e scaltro sottotitolo “ e perché il fascismo non può tornare”) pubblicizzato in lungo e in largo non solo sui canali RAI.
Bisogna riconoscere che con questa ultima fatica Vespa rende un buon servizio all’obiettività storica. Beninteso sono cose che già nel complesso si conoscono ma che vengono sempre puntualmente distorte, velate, viziate da un patologico tabù.
Chiariamo subito di non aver letto il libro (né forse mai lo leggeremo) ma ci atteniamo a come l’autore, ospite dei vari salotti dell’etere, ce lo ha raccontato tante volte in questi giorni.

ZappingZapping

Lo abbiamo visto nel salotto notturno di Pierluigi Diaco, “Io e te”. Ci ha colpito, perché insolito in Tv, il tono rispettoso e il sano distacco storico del noto giornalista nei confronti dell’argomento trattato, una qualità non comune quando si affronta questo ventennio cruciale della nostra storia che fu salutato e applaudito – ricordiamolo – dalla stragrande maggioranza degli italiani e, soprattutto, degli intellettuali. E ci è piaciuto anche il modo in cui Vespa ha liquidato l’antifascismo a babbo morto, piaga sociale dei nostri tempi, evidenziandone l’inconsistenza e la ridicolaggine oltre che, spesso, l’opportunismo e la malafede.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)