#245 - 27 luglio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno 12 giugno quando lascerà  il posto al numero 265 - BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, INSIEME... SORRISINI PER UN BREVE RELAX - "Cameriere, cos'ਠquesto insetto che fa il bagno nel mio bicchiere?" "Signore, qui si viene per bere e mangiare e non per studiare zoologia!" - "Cameriere, cosa avete di buono?" "La salute, signore: Grazie a Dio!" - Qual è il polpo più¹ veloce del mare? Il Polposition! - Un bambino nel passeggino piange e urla in modo irritante: Il padre che lo accompagna, ogni tanto dice: "stai buono Andrea! Stai calmo, Andrea, controllati! ...un tale vedendo la scena dice: "Complimenti, lei è molto paziente nel modo di educare e trattare il suo piccolo!" "Guardi, - risponde lui irritato - Andrea sono io!" - Un'anziana signora ad una bambina "Se continui a fare tutte quelle smorfie resterai brutta tutta la vita" E la bimba: "Allora lei non era mai stata avvertita?" - Qual è¨ il colmo per un giardiniere? Cogliere ...l'occasione - Qual è¨ il colmo per un aviatore? Cogliere una frase al volo - "Lasciami stare - si raccomanda il libro di matematica al dizionario - ho un sacco di problemi!".
Pagine Preziose

Una fede pellegrinante

Ivan Nicoletto

Edizioni Appunti di Viaggio

Fede Pellegrinante è nato dalla congiunzione di due seminari offerti nel 2018 all’Eremo di Monte Giove e a quello di Camaldoli. La riflessione sviluppata in questo libro si propone di re-immaginare il senso della fede come partecipazione alla continua azione creatrice e amante di Dio nel magma drammatico del tempo in cui siamo immersi.

La prima parte, Per una spiritualità dell’incompiutezza, è un’esplorazione delle molteplici forme di incompiutezza che caratterizzano il dispiegarsi della vita cosmica, terrestre e umana. In questo inconcluso divenire, l’esperienza della fede si esprime come apertura accogliente, arrischiata e co-spirante con quella Vibrazione e Soffio creatore che sostiene, rinnova e provoca dal di dentro i processi vitali, fino a farsi carne che si offre per la vita del mondo. Una considerazione attenta viene rivolta alle tecnologie che sono specchio e motore d’incompiutezza, consentendoci di intervenire creativamente nei processi evolutivi. Siamo esseri incompiuti in un cosmo incompiuto.

La seconda parte, Grazie a Dio per l’evoluzione, si mette in dialogo con la straordinaria avventura scientifica che ha dilatato enormemente la coscienza del tempo profondo dell’universo da cui siamo emersi e del quale portiamo traccia nelle fibre dei nostri corpi: siamo polvere di stelle, animali evoluti con la terra, una specie simbolica che tesse continuamente reti di storie, ed è aperta a un futuro imprevedibile. Superando secolari paure, sospetti, e reciproche esclusioni, il libro incoraggia e promuove contatti e reciproca ospitalità tra scienza e fede, nell’intreccio indissolubile tra dimensione cosmica, umana e divina.

L’autore di questo libro è monaco, e questa singolare prospettiva informa il tono e lo stile della ricerca. Nell’evocazione dei temi si propone un atteggiamento relazionale affine alla co-spirazione più che alla distinzione separante tra soggetto e oggetto. Con linguaggio contemporaneo che integra mente e cuore viene privilegiato un approccio empatico, mistico e connettivo alle tematiche trattate.

Ne scaturisce una modalità teopoietica, o il farci sensibili e sorpresi di un Dio che si sta facendo con noi e con la moltitudine degli esseri passati, presenti e futuri. E tutto questo dentro una ricerca comunitaria camaldolese di cui l’autore si sente parte e cui è grato, nel movimento pellegrinante che lo ha condotto dal Mediterraneo al Pacifico.

Nelle doglie di questa sorprendente e inconclusa creazione, di cui siamo sbocco, fioritura e partecipazione, esprimo gratitudine e trepidazione nel farsi continuo del mondo.

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, sia avrà la pace (J. Hendrix)