#244 - 13 luglio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Televisione

Televisione gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

Come risulta dalle tante immagini diffuse dalla Tv e dal Web - oltre che dalle narici mortificate dei residenti - Roma, la Capitale, è circonfusa da una variegata quanto olezzante coltre di spazzatura. Con accluso corteo di gabbiani, topi, scarafaggi. Ci vorrebbe qualche volenteroso epigono del neorealismo per cavarne un capolavoro da presentare a Venezia il prossimo settembre, magari in stile pasoliniano.
Anche i Rom, che – come tutti sappiamo - usano perlustrare i cassonetti con puntigliosa accuratezza, sono in evidente difficoltà. Vagano in tondo spaesati, sembrano aver perduto la bussola. Non è giusto. Colpa di un’amministrazione incompetente? Di una opposizione irresponsabile? Di problemi tecnici? Di un malocchio molto ben confezionato? Non sappiamo: ci limitiamo a fare i cronisti e a registrare un fatto che è sotto il naso di tutti e che offre, ormai da parecchi mesi pane e companatico alla stampa e al telegiornalismo.

ZappingZapping

Altro profluvio di immagini viene dedicato anche in questi giorni assolati agli sbarchi degli immigrati sulle coste italiane, ai barconi in mare pieni zeppi di disperati spesso mescolati assieme ai loro aguzzini (o sfruttatori che dir si voglia).
Alla ribalta della cronaca per aver – secondo taluni “eroicamente”- disobbedito alle leggi italiane e aver favorito quindi lo sbarco dei migranti, il comandante Carola Rackete, chiamata familiarmente – chissà perché - semplicemente Carola. Fatto, questo, che ha procurato ai giornalisti, da più parti, accuse di “sessismo”. Effettivamente bisogna riconoscere che se il comandante fosse stato un uomo, difficilmente lo si sarebbe apostrofato semplicemente Mario, Filippo o Giacomino.
Anche questo dei migranti è argomento sfruttato fino all’osso sia dai giornalisti che dai politici di tutti gli schieramenti. E purtroppo, neanche lo zapping riesce a salvarci dai migranti e dai loro aedi col megafono, di ogni colore o parrocchietta.

ZappingZapping

Altre e più colorite immagini che abbiamo occasionalmente incrociato nelle nostre rapide scorribande televisive sono quelle carnascialesche dei gay pride (sempre condite da un vispo accompagnamento musicale) che di questi tempi si “celebrano” in ogni parte del mondo o quasi (messi alle strette, si preferisce sempre non mettere a repentaglio gli zebedei, nonostante tutto). Si ha come l’impressione che certe categorie “sociali” godano di una licenza di “cazzeggio” straordinaria che se fosse fatta propria dalla restante umanità sarebbe considerata cosa riprovevole o per lo meno sconveniente come mettersi le dita nel naso o pulirsi la bocca col polsino della camicia. Ma tant’è: la funzione profittevole e salutare della “riserva indiana” è cosa vecchia e collaudata.

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).