#241 - 1 giugno 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Abbiamo patito una massiccia overdose di cronaca politica in queste ultime settimane a causa delle tanto attese e sbandierate elezioni europee.
Nonostante ci fossimo impegnati in uno zapping frenetico e compulsivo proprio non si riusciva a eludere in nessun modo lo stucchevole predicozzo elettorale con il ricco contorno di promesse e buoni propositi. Ma, almeno nel nostro caso, la politica è un oppiaceo che non dà assuefazione. La campagna elettorale – sempre ossessiva e giaculatoria – amplificata a dismisura dai media, sembra voler ricondurre il teatro alle proprie antiche origini rituali. Perché, in effetti, del teatro e del rito sembra avere tutte le caratteristiche, almeno quelle prettamente esteriori.

ZappingZapping

Le maschere attoriali dietro le quali si nasconde non si sa chi, il proscenio sempre ben illuminato, il pubblico – sempre in mille modi blandito - che democraticamente è chiamato ad applaudire o a dissentire. E poi, le psichedeliche parole “mantriche”: gettonatissima la pregiata “integrazione” assieme al suo esecrato contraltare, il sordido “razzismo”.

ZappingZapping

Come sempre chi vince gongola e ringrazia e chi perde si lecca le ferite, cerca una spalla fraterna su cui piangere, oppure taglia corto e platealmente si dimette parodiando gli sventurati eroi delle tragedie greche.
Un rito in cui sono assenti gli dei ma, si sa, questo è il tempo degli stati laici e sull’Olimpo le pale eoliche rimpiazzano ormai gli antichi numinosi abitanti.
Puntuali come la morte anche in queste elezioni sono riapparsi i consueti fantasmi: fascismo, nazismo, nazifascismo. Che sembrano però aver fatto il loro tempo, visti i risultati del voto che ha premiato i presunti infestati di turno. Registriamo un’altra curiosa locuzione che gode di una certa diffusione tra i media: “parlare alla pancia della gente” utilizzata ambiguamente e con una certa versatilità a volte per riconoscere un talento comunicativo, a volte per stigmatizzare la ricerca di un facile consenso.

ZappingZapping

Da appassionati d’arte ci viene spontaneo immaginare una folla di creature teriomorfiche sortite dal mondo fantastico del fiammingo Hieronymus Bosch provviste di un enorme orecchio innestato sul bassoventre e, al posto della testa, un addome prominente e ricettivo. Una metafora icastica – se non grottesca - del rito laico della campagna elettorale e del suo democratico (apparente) protagonista: l’elettore tartassato - per più settimane - dalle insistenti e spesso suadenti opinioni dei partiti politici che a gran voce ne reclamano il voto salvifico e palingenetico.
Dato che siamo in vena di curiosità linguistiche ci soffermiamo appena, in conclusione, su un errore volgarotto diffuso inizialmente nel linguaggio televisivo ma che sta ormai assumendo dimensioni pandemiche.
Ci riferiamo alla locuzione “piuttosto che”: in lingua italiana è sinonimo di “anziché” ma viene spesso erroneamente usata con valore disgiuntivo ( come fosse “o”, “oppure”). L’errore, se democraticamente accolto, si tramuta “alchemicamente”nel suo contrario.

ZappingZapping

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)