#239 - 4 maggio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisione, gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

In questo piovoso scorcio d’Aprile, con la Primavera che tentenna, guardare la TV può essere – perché no! - un comodo diversivo.
Notte italiana c'e' una luce blu' / e' in ogni casa che brilla la tivvu' / e tutti intorno seduti a guardare / davanti a questo nuovo focolare / il padre al figlio dice: senti un po' / solo un consiglio è quello che ti do / tu nella vita comandi fino a quando / hai stretto in mano il tuo telecomando…
Ci sovviene, nella bruma uggiosa, l’indimenticabile sigla della mitica “Indietro tutta” di Renzo Arbore.

Tanti anni sono passati…Scoviamo nel mare magnum del web un’istruttiva polemica del giornalista Luca Telese nei riguardi del collega Fabio Fazio che, in una trascorsa puntata di “Che tempo che fa” si è occupato del drammatico fatto di cronaca del pullman carico di bambini dirottato da un senegalese con cittadinanza italiana e con l’intenzione – a quanto pare - di fare una strage, evitata grazie all’intervento eroico di tre bambini.
Il buon Fazio, però, ne invita in trasmissione soltanto due: uno egiziano e l’altro marocchino; e dimentica il terzo, italiano; sintetizzando così la vicenda: “Bus dirottato da italiano, cinquanta persone salvate da due non italiani”. Telese ha stigmatizzato “il buonismo melenso e ipocrita” del collega che ha deciso di cassare il bambino italiano “perché è molto più bello avere due bambini extracomunitari e trasformarli in un vessillo…ma è una falsificazione”. E paragona l’immagine dei due bambini invitati in studio - ripresa ampiamente dai quotidiani- a certe foto storiche della rivoluzione bolscevica ritoccate “dai fotoshoppisti ante litteram” ad usum delphini. Insomma, una rivisitazione politically correct del mito del buon selvaggio.

Si è molto discusso negli scorsi giorni, in prossimità del 25 aprile - da sempre celebrata nei media come data di fondazione etica della nostra repubblica democratica - sul comportamento “anomalo” del ministro Salvini che ha deciso di non partecipare alle cerimonie ufficiali dello storico festeggiamento. Sollevando finalmente un problema - che ha avuto eco in diversi salotti televisivi - da più parti avvertito ma che nelle “alte sfere” si finge di ignorare: il 25 aprile è una festa divisiva perché figlia di una guerra civile con cui non si è ancora trovato il coraggio o la forza morale di fare i conti senza scadere nel reciproco insulto; ha inoltre tradizionalmente una chiara connotazione politica partitica: non può pertanto essere una festa nazionale e mai lo sarà, con buona pace dell’ottimo Mattarella. Per il semplice lapalissiano motivo che ciò che divide non può unire e non può pertanto essere appellato “nazionale”. Una Festa nazionale è una festa condivisa in cui tutti devono potersi riconoscersi senza alcuna difficoltà. E a quanti affermano con tono predicatorio – come si è sentito in questi giorni – che è possibile criticare liberamente il 25 aprile proprio perché c’è stato il 25 aprile, rispondiamo con le parole argute di un giornalista che ci è caro, Leo Longanesi: “Non è la libertà che manca in Italia. Mancano gli uomini liberi”.

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)