#233 - 5 gennaio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Humour (non sempre) per riflettere

Riti

di Giuseppe Sanchioni

Abbiamo appena fatto in tempo a lasciarci alle spalle i sacri riti del Natale che già siamo impegnati a svolgere gli altrettanto sacri riti del nuovo anno.
Solo ieri abbiamo glorificato i vari cenoni abbondantemente ingrassati ed annaffiati. Ma prima avevamo dovuto presiedere alla cerimonia dei regali e degli auguri allegati, che per chi decide di non onorarla nei tempi dovuti può diventare particolarmente cruenta, fra spremute di cervello per ricordarsi a chi riciclare correttamente quelli vecchi e file nel traffico dei negozi per quelli ahimè nuovi.
Nel frattempo, a dire il vero c’era stato anche l’intermezzo della fine del girone di andata della serie A col rito del Campione d’Inverno, ma è andato via liscio per via dell’assuefazione alla proclamazione della Juventus che è ormai genetica.
E da ultimo i due riti peggiori perché svolti da semplici spettatori e cioè la preparazione della legge finanziaria, collegati compresi, quest’anno particolarmente onerosa dal punto di vista energetico, che ci ha lasciati quasi sfiniti e in balia di promesse mirabolanti a tempo quasi scaduto. Insieme alla ciliegina sulla torta: l’amarcord di tutto quello che di brutto (perché fa più audience) è successo in questi dodici mesi coronato dai consueti messaggi di fine anno per stroncarci definitivamente.

E così abbiamo cominciato un nuovo anno con l’incombenza di svolgere di nuovo i consueti riti. Innanzitutto l’oroscopo, che quest’anno sembrerebbe favorire il Leone ma siccome ormai dipendiamo da Pechino non solo nella finanza, il Leone che sembrava favorito è stato sostituito dal Maiale. Che comunque specialmente nei nostri salumifici non è per niente disprezzato. Da qui altri cenoni, stavolta a base di cotechino e lenticchie perché portano soldi. Ma forse solo se vengono dalla Cina.

Poi ricomincia la scuola, naturalmente senza aver fatto un compito e con un vuoto incolmabile del poco sapere che si è ancor di più diluito nei giorni di festa.
E già incombe la settimana bianca con i vari riti del rinnovo dell’attrezzatura, del recupero della forma fisica, dati gli sport da poltrona praticati durante tutto l’anno, che ora si spera di ottenere in una settimana per emulare Alberto Tomba a costo di far saltare tutti i legamenti, e delle prenotazioni.
Intanto, sempre con un occhio alla forma fisica, finiscono i panettoni ma sono già per strada le frappe accompagnate da Carnevale…
Parafrasando il Vico: riti e ritriti storici. Buon anno a tutti!

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)