#228 - 13 ottobre 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Costume e Società

Un'occhiata in casa d'altri

Far From the Crazy City

Londra: week end d'autunno

di Alessandro Gentili

Far From the Crazy CityFar From the Crazy City

Via dalla pazza folla, è un famoso romanzo vittoriano di fine ottocento del grande Thomas Hardy.
La protagonista fuggiva nella bella campagna inglese per sperare di vivere in santa pace nella ridente campagna… Via dalla pazza Londra?
Possibile siano bastate tre giornate e mezza per tirare un sospiro di sollievo e tornare nella Bella Italia tanto vituperata e disprezzata?

Far From the Crazy CityFar From the Crazy City

E’ strano e curioso andarsene a zonzo all’estero, dare un’occhiata e tornarsene a casa alquanto rincuorati.
Parlare bene di Roma o del nostro paese in generale risulta paradossale e francamente poco credibile. Lo so. Me ne rendo conto. Abbiate pazienza e leggete. Londra! città delle nebbie, di delitti, di investigatori privati di perfetta English School, puntualità, organizzazione, ambito luogo di lavoro di migliaia di giovani europei…

Far From the Crazy CityFar From the Crazy City

Dunque, fatta una doccia e una rapida colazione a base di caffè americano, succo di frutta, toast imburrato con marmellata, ci disponiamo col migliore dei modi ad uscire. C’è un discreto tempo autunnale con nubi con non promettono pioggia. Ottimo! Così usciamo dall’albergo e andiamo a dare un’occhiata. Sono le otto e già dai locali inizia ad uscire uno sgradevole odore di cucinato (cosa che si protrarrà per quasi tutta la giornata). Non credo ai miei occhi: vedo sacchi dell’immondizia, con cartoni e lattine e giornali ammucchiati in strada.
Sto forse sognando di stare a Roma? In effetti è proprio così: gli inglesi lasciano la spazzatura quotidiana in strada dove viene, tutte le mattine, ritirata dai grossi camion. La differenziata consta di due sole parti. Questo vuol dire che tutti i giorni per strada trovate, appunto, la spazzatura di casa, ammucchiata, presumo, nei punti dove si ferma il camion.

Far From the Crazy CityFar From the Crazy City

Proseguiamo a piedi e proviamo ad attraversare la strada. Non ci sono strisce pedonali, solo ai semafori ai pedoni è concesso di attraversare la strada. Sorpresa! I pedoni passano anche col rosso ma di fretta, perché bus e auto e perfino biciclette, schizzano a velocità sostenuta. Mi fermo: Napoli o Londra? Ogni volta che il semaforo scatta verde per i pedoni, scatta anche un suono stridulo che allerta i pedoni. Questo succede tutte le volte che scatta il verde. Ve lo immaginate? Meglio: provate a sentirlo migliaia di volte al giorno….Dunque, procediamo e ci avviamo lungo la strada ma: attenzione! Non si può camminare all’italiana. Siete d’intralcio! Qui non si cammina, direi che quasi si corre. Infatti la folla mi supera e cerco di capire se è successo qualcosa….macchè, tutti diretti alla underground, la mitica sotterranea londinese.
Vado dietro la folla e mi fermo sulla banchina. Sul tabellone sono indicati gli orari d’arrivo che coincidono perfettamente. Salgo. Mi siedo. Il treno parte. Non riesco a capire cosa c’è che non va….cerco di guardare…di sentire….ecco! adesso capisco: nessuno parla. E infatti a Londra nessuno apre bocca sui mezzi pubblici, nei locali, nei pub, perfino alla grande sala d’aspetto dell’aeroporto, gremita di centinaia di persona, se si tende l’orecchio si posso sentire le mosche inglesi col loro caratteristico zzzzzzzz….

Far From the Crazy CityFar From the Crazy City

Ora di punta, salgo su un bus e conto le fermate: sono sei. Per mera curiosità guardo l’orologio: sono le 12 e 35. Bene, per arrivare a destinazione ci vogliono 25 minuti. La piazza dove scendo è aggredita da tutti i mezzi pubblici e privati disponibili, ma, insomma, tutto gira come una ruota perfettamente calibrata. Ma basta dare un’occhiata alle grandi arterie che confluiscono sulla piazza per rendersi conto del traffico!
Rimpiango Largo Arenula a Roma nell’ora di punta.
Vicino un grande albergo sono ammucchiati decine di grossi sacchi della spazzatura, entro ad Hyde Park e vedo scoiattoli saltellare sui prati, vedo il cambio della guardia a Buckingham Palace (niente di straordinario), vedo Piccadilly Circus, Westminster, la città, il Tamigi senza un marciapiede, la sera gruppi di giovani con le birre in mano sul marciapiede, vedo Largo Trilussa a Roma, Piazza di Spagna, mi ricordo che qui c’è la Brexit, tutto mi si confonde ma tra due giorni riprenderò l’aereo per scendere a Ciampino dove troverò la MIA solita e amata città….

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).