#220 - 9 giugno 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 10 luglio, quando lascer il posto al numero 267. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c' la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Arte

La Mostra è articolata in sei luoghi della città di Viterbo

Biennale d'Arte Contemporanea

La Quinta edizione mette a fuoco il rapporto
tra il presente e l'eredità del passato

di Eva Mari

Tutte le mostre dedicate agli Artisti sono dislocate in luoghi differenti, Palazzo dei Papi sala Alessandro IV e Scuderie, Palazzo dei Priori sale delle Bandiere ed Aurora, Museo del Colle del Duomo, Museo Civico e Gran Caffè Schenardi, hanno offerto diverse versioni di questa tematica. In ogni uno di questi luoghi lo spaccato del presente ha illustrato nelle difformi impostazioni del lavoro esposto dai curatori una inquadratura del presente con una diversità di scelte dove l'immagine del luogo espositivo propone un tono estetico assolutamente variegato.

Biennale d'Arte ContemporaneaBiennale d'Arte Contemporanea

Può il contemporaneo vivere senza il passato? possono le innumerevoli informazioni del presente saturare lo spazio della narrazione con una continuità che non lascia lo spazio ad altro se non al momento?
Alcuni pensatori contemporanei hanno avallato questa ipotesi, immaginano il presente come un dirompente fiume talmente rapido e tumultuoso da non lasciare nessuna possibilità a chi vuole fermarsi, definendo l'impossibilità di andare in queste acque controcorrente.
A molti piace ancora pensare che la struttura passato-presente-futuro sia una tranquilla abitudine che ha la possibilità di far stare in piedi semplicità e complessità, memorie del passato e ritmi del presente e costruire un futuro con una tavolozza infinita e indefinibile di ipotesi che solo la creatività sa umanizzare.

Biennale d'Arte ContemporaneaBiennale d'Arte Contemporanea

In un luogo come Viterbo il rapporto tra presente e passato non lascia scampo, il passato è talmente presente che l'unica possibilità è leggerlo con le chiavi che la contemporaneità mette a disposizione, aprendo ad immagini che non sono un caleidoscopio di ripetizioni, ma una complessa relazione tra modalitá espressive e comunicative, queste anche se apparentemente molto lontane e con linguaggi differenti hanno relazioni che sono assai sottili e molto più problematiche di quanto si vorrebbe far credere.

L 'esperienza della modernità non è relegata ad una problematica esclusivamente tecnologica, ma si rende viva negli accostamenti voluti o casuali che l'attività scientifica, la disgressione filosofica, la conflittualità sociale, le istanze politiche,culturali, religiose, ramificano in un presente complesso è indefinibile che sfugge alle razionali logiche che vogliono edificare una globale lingua del futuro. Questa edizione propone categorie sensorie che educano a vedere il presente con plurime chiavi di lettura.

Biennale d'Arte ContemporaneaBiennale d'Arte Contemporanea

Nel Museo del Duomo la curatrice Maria Elena Piferi, confortata da un apprezzata introduzione di Claudio Strinati, imposta un quintetto di artisti molto decisi con una forza che rielabora il passato partendo dai suoi miti, dalla geometria dell'indagine la cui finalità è la comprensione del presente del quale uno degli imperativi è l'unità narrativa della conoscenza.
Suggestive sono le sale Alessandro IV e Scuderie di Palazzo dei Papi con una mostra che contiene il più corposo numero di Artisti che nei due piani propone molte problematiche affrontate dall'arte contemporanea che rispondono soprattutto al suo rapporto tra uomo e ambiente con simboli fin troppo accessibili. Nelle opere in mostra i segni sono volutamente difficili da decifrare ma non impossibili da interpretare. Quello che ci si augura alla fine del percorso espositivo è di arrivare ad un miglioramento del dialogo più intimo con noi stessi.

Biennale d'Arte ContemporaneaBiennale d'Arte Contemporanea

Nel Palazzo dei Priori in sala delle Bandiere – con il progetto “della concrezione, della trasformazione, dello sgretolamento, dell’inondare, del precipitare” - e Aurora, la versione dell'arte racconta una storia più intima e personale legata all'esperienza degli ultimi 50 anni dell'arte dove il presente è in dialogo diretto con l'esempio dei maestri ma in grado di raccontare lingue e suggestioni nuove, sensibili e originali. Nel Museo Civico gli Artisti hanno cercato un dialogo diretto con le opere presenti nella collezione archeologica aggiungendo piccole varianti del presente, tese più alla relazione che alla contrapposizione con l'esistente, misurando un rapporto di armonia che abitui lo spettatore a vedere il passato e il presente dialogare e dare al museo quel carattere che per noi sembra una discutibile novità ma che nei musei del resto del mondo è ormai una abitudine espositiva.
Infine al Gran Caffè Schenardi sono visibili una parte delle opere partecipanti al Premio Emergenti.

Biennale d'Arte Contemporanea

                       Ufficio Stampa Apai : info@apaiarte.it
AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero stato il mezzo pi sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ci che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille pu inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo cominciato senza l'uomo, e finir senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico , per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -