#203 - 7 ottobre 2017
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 ottobre quando cederà  il posto al n. 271. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...Moderni?

Salute

di Giuseppe Sanchioni

Le autorità sanitarie asseriscono che la salute dei romani va peggiorando perché negli ultimi anni tutti gli indicatori sono peggiorati. Che ormai qui ci sono epidemie di malaria, zanzare, influenza, morbillo, ecc. Inoltre, i romani avrebbero potuto competere per ospitare l’Agenzia Europea del Farmaco, che magari li avrebbe protetti, e invece niente di tutto questo. La protezione potrebbe andare a Milano.
Insomma a Roma ci si ammala di più e ci si cura di meno. Nei giornali leggiamo che i diabetici sono aumentati del 2%. Ma il diabete, come dimostrano gli obesi degli Stati Uniti che pasteggiano tutti i giorni ad hamburger patatine fritte e burro di arachidi, non era la malattia del benessere?
Vabbè. E di chi è la colpa? Proviamo a fare la cronistoria della malattia e del suo padrone, il malato.

Uno di noi, un sano malato standard, una mattina sta male, e fin lì tutto bene. Dice “ora vado dal medico di famiglia” ma no, purtroppo oggi c’è solo di pomeriggio. Intanto la malattia si aggrava.
Nel pomeriggio, il medico di famiglia, dopo aver visitato il malato, gli consiglia una visita specialistica ed il nostro paziente con l’apposita ricetta si reca alla ASL per prenotarla e pagare il ticket. Aggravando ancora di più la malattia.
Naturalmente la visita è fra tre mesi. Ma fra tre mesi la malattia si sarà autoguarita (riponiamo sempre molta speranza nel nostro sistema immunitario) oppure il malato sarà definitivamente morto, e quindi la visita sarà comunque inutile. E questo sarà segnalato in un’apposita statistica, che naturalmente peggiorerà gli indicatori.
Se la malattia, per colmo di sfortuna che non auguriamo a nessuno, richiedesse anche ulteriori esami diagnostici i tempi si dilaterebbero anche oltre l’anno e quindi oltre la morte del paziente. Che se anche arrivasse vivo, peserebbe certo di più avendo continuato a mangiare senza sapere che il problema era quello.

Allora delle due l’una. O i cervelli trovano il modo di modificare geneticamente i bacilli, batteri, virus, vibrioni, funghi, amebe e zanzare in maniera che la malattia dilati i suoi tempi in accordo a quelli della Sanità e ci faccia arrivare malati ma vivi alla visita oppure la salute non potrà che peggiorare, e non solo a Roma.

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già  in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà  l'amore per il potere, sia avrà  la pace (J. Hendrix)