#199 - 18 agosto 2017
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 ottobre quando cederà  il posto al n. 271. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...Moderni?

Poker

di Giuseppe Sanchioni

Ormai consideriamo normale il fatto che i vari rappresentanti della nostra classe dirigente nel tentativo di lasciare un qualche segno del loro, in genere veloce, passaggio propongano soluzioni originali.
Prendiamo la scuola. Dall’esame di maturità di un tempo su due sole materie, una a scelta del candidato ed una a scelta della commissione, si è passati all’esame con la tesina su tutte le materie e poi alla prova scritta dell’articolo col saggio breve. Tutto questo nel frattempo che si toglievano e poi si rimettevano gli esami di riparazione.
Ma non finisce qui. Proseguendo negli studi si trovavano le lauree del vecchio ordinamento, poi le lauree normali a cinque anni e quelle brevi a tre anni. Infine le lauree in due tempi a tre anni più due con due tesi.
Naturalmente tutto questo senza risultati rilevanti in termini culturali.

Errare è umano e perseverare è diabolico. E quest’estate, forse complice il caldo e l’afa che a Roma hanno colpito senza pietà, si è perseverato decidendo di cominciare la sperimentazione delle scuole superiori con la durata di quattro anni. Un poker d’anni e poi la maturità. Anzi un poker danni, senza apostrofo, e poi l’esame di Stato, come si chiama ora.
Forse volevano essere del tutto originali ma ci corre l’obbligo di avvisarli che altri ci avevano già pensato e quindi sono stati battuti di gran lunga e da quel tempo.
Basta sfogliare un qualunque giornale per trovare la pubblicità di scuole private che assicurano quattro anni in uno e poi ti presenti direttamente all’esame.

Ma come, già con la scuola superiore a cinque anni i ragazzi non hanno né il bagaglio culturale per cavarsela tutti i giorni né la preparazione per tentare un lavoro qualunque che vada oltre consegnare le pizze e l’unica cosa che rimane loro è partecipare a qualche quiz televisivo.
Ma anche lì, mentre sanno tutto sulle ultime dieci edizioni del Grande Fratello si sbracano subito come si avventurano nella storia di uno qualsiasi degli ultimi diecimila anni o nella geografia di un continente qualunque.
Non sarà che il problema è rappresentato, in ordine di apparizione, dai programmi, dalle strutture e forse anche dagli insegnanti?

ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già  in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà  l'amore per il potere, sia avrà  la pace (J. Hendrix)