#181 - 28 gennaio 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Fumetto

...tra le coppie di successo

Altai e Jonshon

di Giada Gentili

Altai e JonshonAltai e JonshonAltai e Jonshon

Il fumetto sembra prendere spunto dai classici film e telefilm polizieschi americani con una coppia di poliziotti/investigatori dedita a mirabolanti imprese in ogni episodio.
Infatti ci troviamo di fronte a due stravaganti personaggi che di mestiere fanno gli investigatori privati e vivono, guarda caso, a San Francisco.
E del resto il fumetto è scritto da Tiziano Sclavi e Giorgio Cavazzano che di cinema qualcosa ne sa rendendo così riverenti ed irriverenti omaggi a grandi film, magari non sempre molto noti, nel corso dei diversi episodi.

Altai e JonshonAltai e JonshonAltai e Jonshon

Le storie, spaziando fra il realistico ed il surreale, possono portarci a seguire impensabili furti di omogeneizzati, inaugurazioni di grattacieli destinati alle fiamme, escursioni in Messico, case discografiche, ospedali poco raccomandabili, eccentriche miliardarie fricchettone ed innumerevoli furti, omicidi e personaggi interessanti.
Mediamente Altai si dimostrerà più in gamba del collega risolvendo in anticipo i casi e rivelando spesso conoscenze e doti incredibili. la prima cosa che salta all’occhio è il formato: storie brevi, che concentrano in un breve lasso di spazio, di solito otto pagine, gli scambi di battute tra i due, la semplice trama e le caratterizzazioni dei personaggi.

Altai e JonshonAltai e JonshonAltai e Jonshon

E i personaggi hanno un ruolo importante, in questo fumetto, seppur comparendo per poche pagine. Il mondo di Altai & Jonson, infatti, mostra come alle volte i criminali più incalliti siano i potenti, i padroni.
Il loro peggior nemico è il terribile gangster di San Francisco Julius Caesar e il loro referente il tenente Kennan, della polizia della città, che non li vede di buon grado.
Ecco un'altra coppia che funziona. Ma perchè, appunto, le coppie tirano e legano bene col pubblico?
Non si finirebbe più di elencare le ....coppie di successo: Stanlio & Ollio? Jerry Lewis e Dean Martin? Gianni e Pinotto? Lemmon e Matthau ? Vianello e la Mondaini? Buzzanca e Delia Scala? Fino alle coppie contemporanee della nostra tivvù spazzatura dove tutto fa brodo (minestrone o brodaglia....).

Altai e JonshonAltai e JonshonAltai e Jonshon

Un amico di vecchia data ha avanzato questa ipotesi sui motivi del successo: " Le coppie funzionano, quelle comiche intendo, perchè scimmiottano la "Grande coppia" della vita, cioè marito e moglie.
Ci si rispecchia, si sdrammatizza, si esorcizzano le divisioni, le incomprensioni....Pensa in grande, pensa a Adamo ed Eva...." Ma lì, confesso, mi sono persa.

Altai e JonshonAltai e Jonshon

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).