#171 - 29 ottobre 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 10 luglio, quando lascer il posto al numero 267. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c' la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Fumetto

Microciccio Spaccavento

di Giada Gentili

....personaggio ideato da Jacovitti e comparso in una sola storia omonima, nel settimanale Il Giorno dei Ragazzi nel 1965..
Per un errore, Microciccio Spaccavento - un ometto della Terra fantascientifica di mille anni a venire, sotto il dispotico dominio di Torvass il Gran Bazù - viene imprigionato e deportato sull'asteroide-galera Katonza. Da qui, fugge insieme al terrestre Giuseppe e al marziano Ffrrungh.
Nello spazio, vengono catturati da un'astronave proveniente dal pianeta Gorgo, dove c'è una banda di resistenti al Gran Bazù, che li portano da Zomar - la cui graziosa figlia Krispa si invaghisce di Microciccio - che sta organizzando la resistenza galattica contro il dittatore.

Microciccio SpaccaventoMicrociccio SpaccaventoMicrociccio Spaccavento

Microciccio viene mandato nella colonia penale di Katonza a sobillare i milioni di schiavi, e li giungono anche Giuseppe e Ffrrungh. Tutti insieme si organizzano, ma Microciccio e Krispa, catturati, vengono mandati di fronte a Torvass il Gran Bazù che li terrà come ostaggi.
Durante il faccia a faccia televisivo fra il gran ribelle Zomar e il Gran Bazù, Krispa e Microciccio riescono a fuggire. Avviene uno scontro finale tra Torvass e Microciccio, il quale disintegra il 'cattivo' e viene poi eletto al suo posto, sposando Krispa.

Microciccio SpaccaventoMicrociccio SpaccaventoMicrociccio Spaccavento

Ragazzi! Qui c'è Guerre Stellari di Lucas e il grande Jacovitti lo aveva già scritto in quel 1965. Ma Lucas era un ragazzino e leggeva i fumetti americani tipo Microciccio.
Il costo della vita in Italia in quell'anno era il seguente: Stipendio di un operaio, circa 86.000. Costo giornale £.50, biglietto del Tram £.50, Tazzina Caffè £ 60, Pane £.170 al kg, Latte £.130 ...nasce la rivista Linus, apre il Traforo del Monte Bianco, morivano: Churchill, Malcolm X, Stan Laurel, Le Corbusier....9 febbraio Guerra del Vietnam: le prime truppe combattenti degli Stati Uniti vengono inviate nel Vietnam del Sud. 15 febbraio il Canada cambia la propria bandiera, scegliendo la foglia d’acero come simbolo. 12 maggio Parte da Genova per il suo viaggio inaugurale il transatlantico italiano Michelangelo; l’altro transatlantico gemello “Raffaello” partirà il 25 luglio. 14 luglio la sonda americana Mariner 4 raggiunge per la prima volta Marte; invierà sulla Terra un totale di 21 foto. 14 settembre si apre il quarto e ultimo periodo del Concilio Vaticano Secondo. 19 dicembre Charles de Gaulle viene rieletto presidente della Repubblica Francese.
Spesso non leggo i quotidiani, più spesso non accendo la tivvù, molti mi rimproverano, pochi mi approvano. Chi scrive vive nel mondo del 2016. Sorride con Jacovitti e Guerre Stellari: " C'è qualcosa di nuovo sotto il sole?" (Ecclesiaste).

Microciccio SpaccaventoMicrociccio Spaccavento

AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero stato il mezzo pi sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ci che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille pu inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo cominciato senza l'uomo, e finir senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico , per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -