#106 - 6 ottobre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Editoria

Persone Comuni - Roma

Raccontare la società che cambia

L’informazione si fa in movimento
un seminario alla scuola del sociale

di Giada Gentili

Raccontare la società che cambia

Comune-Info è nato con un’ambizione: essere utile a chi vuole cambiare il mondo e a chi ha già cominciato a farlo. Ma riconoscere e raccontare la società che cambia è un esercizio complesso e in grande cambiamento, che coinvolge tante esperienze importanti (L’informazione si fa in movimento) e che merita molte attenzioni. Di certo, abbiamo bisogno di uno sguardo diverso sul mondo, abbiamo bisogno non solo di raccontare ma soprattutto di ascoltare diversamente. Scrive Gustavo Esteva:Ci sono migliaia di lotte che coinvolgono nella resistenza molti milioni di persone… Cominciano a creare il mondo nuovo. Bisogna certo articolare tutti questi punti di resistenza… Ma questa articolazione non verrà fuori dal nulla, da un dirigente illuminato o da una piattaforma geniale. Verrà fuori dalla lotta stessa… Mettiamoci in ascolto”.

Un seminario sulla comunicazione sociale, ovvero su cosa (e come) raccontare, promosso dall’associazione culturale Persone Comuni, “editore” del quotidiano web Comune-info, nell’ambito delle iniziative della Scuola del Sociale (Provincia di Roma) cerca di approfondire questi temi. Il titolo? “Raccontare la società che cambia”.

Raccontare la società che cambiaRaccontare la società che cambia

La partecipazione alle attività formative proposte dalla Scuola del Sociale è gratuita ed è rivolta a studenti, volontari e persone a vario titolo interessate all’argomento (requisiti d’accesso: diploma di scuola media superiore, laurea triennale o specialistica). Il seminario si propone di fornire informazioni e competenze di base sulla comunicazione sociale (giornalismo web, comunicati stampa, newsletter, campagne, uso dei social network…) e prevede quattro appuntamenti: venerdì 3, 10, 17 e 24 ottobre 2014, dalle 14,30 alle 17,30, presso le aule della Scuola del Sociale a Roma (in via Cassia 472).

Raccontare la società che cambiaRaccontare la società che cambia

Primo seminario
Presentazione del seminario, dei relatori e del lavoro di redazione di Comune-info; Il giornalismo che cambia (fonti, notizie, interviste, editoriali, inchieste, reportage) Raccontare la società che cambia.
Secondo seminario
Il giornalismo online - Citizen journalism (i lettori comunicatori attivi);
Correggere, completare e pubblicare un ipertesto;
Terzo seminario
Come si scrive un comunicato stampa; - Come si organizza una conferenza stampa;
Esercitazione (gruppi di lavoro) e verifica: scrittura di un comunicato stampa;
Come si scrive una newsletter; - Come si organizza un database dei giornalisti.
Quarto seminario
Come promuovere una campagna sui temi sociali;
Come scrivere e promuovere notizie attraverso i social network;
Esercitazione (gruppi di lavoro) e verifica: ideare, comunicare e promuovere una campagna.

     scuoladelsociale@provincia.roma.it      info@comune-info.net.

Raccontare la società che cambiaRaccontare la società che cambia

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).