#145 - 18 gennaio 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 17 aprile, quando lascerà il posto al numero 261. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di SATIRA - Nasciamo nudi, umidicci ed affamati. Poi le cose peggiorano - Chi non s ridere non è una persona seria (P. Caruso) - l'amore è la risposta ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande (W. Allen) - Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine ed altre che rimangono single per un colpo di genio - Un giorno senza una risata è un giorno sprecato C. Chaplin) - "Il tempo aggiusta ogni cosa" Si sbrigasse non sono mica immortale! (F. Collettini) - Non muoverti, voglio dimenticarti proprio come sei (H. Youngman) - La differenza tra genialità e stupidità è che la genialità ha i suoi limiti (A. Einstein). -
Poesia

Dal ciclo "Esodo"

Naufraghi

di Anna Manna

Orfani di radici
subimmo la scelta luttuosa dei padri
e sfociammo in un naufragio senza colpa.
Aggrappati alla violenza del dolore
con la mente in anestesia
fummo catapultati nello spazio vuoto
dell’angoscia
e partimmo per forza d’inerzia
senz’altra zavorra che un passato di lutti.
E fu giorno e fu notte
e furono anni di zattere improvvisate alla meglio.
Sfiniti dai giorni ci annientavamo in sonni
pieni di domande
Tentammo ogni onda
senz’altro progetto che la sopravvivenza
e fu pace ogni canto
vero o falso
cullati soltanto da lusinghe
svegliati da ogni temporale
finché l’ansia e la paura
varcarono ogni itinerario
e restammo sospesi nel vuoto di ieri
e ci sembrò conquista
Naufraghi
avvistammo terre sconosciute
Scilla e Cariddi
Caino e Abele
cercavamo comunque la vita
Solidali ci attaccavamo con funi d’ironia
evitando il tarlo dei ricordi
e superammo lo strazio della nostalgia
e le certezze le rubavamo agli occhi dei bambini
sminuzzavamo le voci fino al bisbiglio
per difenderci dall’urlo dell’angoscia
e gonfiavamo a vela le briciole dei sogni
ma non bastavano per andare avanti
e allora ne facemmo reti perché il naufragio
non andasse avanti
Naufraghi
crescevamo ad ogni tempesta
e il vento che ci sbatteva come stracci
finì per asciugare il pianto
Impastati dal sale dei rimpianti
ci indurimmo fino al ghiaccio
e nell’acqua riuscivamo a galleggiare
La deriva diventò ricerca
e l’ansia si fece avventura
Avvistammo altre terre sconosciute
tagliando il nodo di Gordio
con le unghie dei morti
e cercammo la terra promessa
nelle grotte sull’acqua
Mischiati in una processione di derelitti
nei loro occhi scoprimmo la vita
e cominciammo a lanciare parole
per raccontarci il dolore,
dardi che al sole
prendevano a scintillare come stelle
e lasciammo nel mare una scia luminosa
e tracciammo la rotta
senz’altra bussola
che il loro scintillante galleggiare
e scoprimmo tramonti fiorati
e albe di occhi riaccesi
e soli e lune e giorni
d’una insperata resurrezione.

Anna Manna

Non è coraggio senza pazienza, non è gioia senza fatica, non è forza senza dolcezza, senza umiltà non è gloria ( Nicolò Tommaseo) - Noi abbiamo una sola vita: se anche avessi fortuna, se anche raggiungessi la gloria, di certo sentirei di aver perduto la mia, se per un solo giorno smettessi di contemplare l'universo ( Marguerite Yourcenar) - Nel teatro la parola è doppiament glorificata: è scritta, come nelle pagine di Omero, ma è anche pronunciata, come avviene fra due persone al lavoro: non c'è niente di più bello (Pier Paolo Pasolini) - Con la costanza e con la perseveranza si arriva tutti ai grandi risultati attesi, che corrispondono non tanto alle vittorie in sé, quanto piuttosto alla progressiva scoperta dei nostri limiti (Gabriella Dorio) - La libertà dell'uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole: essa non dipende da vittorie esterne, ma interne (Paramhansa Yogananda).