#145 - 18 gennaio 2016
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 aprile, quando lascerà il posto al numero 260. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Iniziativa promossa dalla FUIS - Federazione Unitaria Italiana Scrittori

Palazzo Ferrajoli - Roma

Manifesto degli scrittori europei

Stati Generali dell’Autore IV edizione

di Fuis

“Creare. Scrivere. Connettere”, : l'input del IV incontro degli stati generali dell'autore che ha discusso e sottolineato plurali intenti e prospettive per gli scrittori europei. Al centro della giornata è stato l’argomento inerente gli scrittori, i diritti d’autore e il mercato unico digitale.
Si è discusso del ruolo che avrà lo scrittore nell’Europa Digitale e quali trasformazioni subiranno i loro diritti d’autore. Inoltre sono state poste domande e proposte soluzioni su una possibile costruzione di una cultura europea dello scrittore e del libro in armonia con le piattaforme tecnologiche e i nuovi linguaggi.

Manifesto degli scrittori europeiManifesto degli scrittori europei

Hanno aperto i lavori Natale Antonio Rossi Presidente della FUIS Federazione Unitaria Italiana Scrittori e l’intervento introduttivo di Francesco Mercadante Presidente del Sindacato Libero degli Scrittori Italiani.
Nella prima parte dell’incontro si sono alternati gli interessanti interventi di noti scrittori italiani fra cui Franco Buffoni, Vins Gallico, Annarita Briganti, riguardanti i cambiamenti tecnologici, culturali e sociali che stanno coinvolgendo la produzione letteraria.
La seconda parte, prettamente tecnica, ha visto, tra gli altri, l’intervento di Giorgio Assumma (SIAE), e dell’onorevole Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura dell’Unione Europea.

Manifesto degli scrittori europeiManifesto degli scrittori europei

"In questo particolare momento occorre difendere un equo bilanciamento tra i diritti di tutti gli attori della catena del valore, con particolare attenzione a un´adeguata remunerazione per i produttori di contenuti - ha dichiarato l’onorevole Costa - Non significa giocare in difesa degli interessi particolari di una specifica categoria di lavoratori e di operatori, ma invece tutelare quello che rappresenta il centro propulsivo, il più autentico motore di sviluppo della societá della conoscenza in cui viviamo. Questo é ció che ci siamo impegnati a garantire a livello europeo e per cui continueremo a batterci".

Il professore Natale Antonio Rossi ha consegnato all’onorevole Silvia Costa il Manifesto degli Scrittori Europei, una lettera aperta rivolta alle Autorità europee e siglata da cinquantaquattro organizzazioni a difesa dei diritti degli scrittori, in primo luogo del Diritto d'Autore presentata ufficialmente dalla Fuis e dal Conseil Permanent des Ecrivains (CPE) lo scorso 22 ottobre 2015.

Manifesto degli scrittori europeiManifesto degli scrittori europei

All'incontro hanno partecipato numerose personalità del mondo della cultura, un pubblico particolarmente interessato e rappresentanti dei mezzi di comunicazione. Il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi e il Ministro per la Cultura Dario Franceschini hanno fatto giungere i loro saluti unitamente agli encomi per l’evento sottolineando altresì l'importanza e il particolare valore del problema affrontato.

                 Ufficio Stampa:  mariaritaparroccini@gmail.com
AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare)